Sassuolo, Di Francesco “Una lotta fino alla fine, orgoglioso dei miei ragazzi”

Sassuolo, Di Francesco “Una lotta fino alla fine, orgoglioso dei miei ragazzi”

Il sogno si è concluso e forse le colpe sono da ricercare soprattutto in casa propria: Eusebio Di Francesco analizza la sconfitta del Sassuolo sul campo dell’Athletic

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli

Infortuni a parte, il pubblico e la squadra lo sanno: la qualificazione ai sedicesimi è stata gettata al vento dopo il pareggio interno contro il Rapid Vienna. Risultato che non rispecchia il vero valore del Sassuolo, questa sera sorprendente nonostante la sconfitta. Il 3-2 finale contro l’Athletic trova l’analisi del mister Eusebio Di Francesco a margine della gara: «Per noi è un momento particolare, non ci gira molto bene. Poi sulla prestazione, abbiamo preso tre goal da calcio piazzato. Contro una squadra forte serviva più attenzione. Ma io devo dire che ho visto la mia squadra lottare fino alla fine e tenere testa ad una formazione come il Bilbao. Davanti avevo due giocatori che arrivavano dalla Serie B e questa sera si sono trovati in Europa facendo più che bene»

Attacco e difesa: «Loro si alzavano con 4 attaccanti e noi difendevamo facendo abbassare anche Magnanelli. Ma parlare di modulo difensivo o offensivo è difficile, perchè il calcio è dinamico. In attacco ad esempio facevamo alzare Lirola»;

«Il terzo goal era più facile da leggere di quello che è sembrato, quindi abbiamo peccato di attenzione. Comunque rivedendo le occasioni generali, nonostante l’Athletic avesse la gestione del gioco, le opportunità migliori sono state le nostre. E’ un peccato davvero»;

Infortuni. ancora due giocatori fuori?: «Missiroli ve lo ha dimostrato l’altra partita, è a un 50% circa. Politano è più pronto nonostante il recupero veloce. Ma il Sassuolo non può permettersi di ragionare solo sugli infortuni. Ma guardate il Sassuolo da dove arriva e che esperienza ha e poi ragionate allo stesso modo sull’Athletic. Ricordatevi da dove arriviamo. Non posso rimproverare nulla a questi ragazzi, sono stati straordinari. Biondini? Penso sia più grave di Pellegrini, da valutare domani. Si parla del tendine d’achille»;

Ora che stagione si prospetta?: «Questa è una stagione di rincorsa. Sapevo che non avremmo avuto fortuna, ma non pensavo in una sfiga così totale. Noi siamo novelli e per certe competizioni, e per raggiungere certi obiettivi si deve anche sbagliare. Sì, la qualificazione è stata gettata con la partita contro il Rapid. Ma anche stasera ci sono state opportunità con Defrel e Ragusa.. peccato davvero, ma ricordatevi da dove veniamo e cosa abbiamo fatto»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy