Sassuolo, Bucchi: ”Torino per l’Europa. Cessioni? Nessuno ha puntato i piedi”

Sassuolo, Bucchi: ”Torino per l’Europa. Cessioni? Nessuno ha puntato i piedi”

Le dichiarazioni di mister Cristian Bucchi alla vigilia della seconda di campionato: Torino, rinnovi e possibili cessioni. Tanti gli argomenti in casa Sassuolo

di Redazione SCN

«Sapevamo che per i cambiamenti ci vuole un po’ di tempo e le cose probabilmente non si incastrano immediatamente, e questo è in linea con quanto la società ed io abbiamo in mente. La squadra lavora bene, sta crescendo e migliorando la condizione atletica e tattica». Sono le dichiarazioni del mister Cristian Bucchi, intervenuto questa matina in conferenza stampa alla vigilia dell’incontro di Serie A contro il Torino, valido per la seconda giornata di campionato. La gara con il Genoa non ha entusiasmato, ma la squadra necessità di tempo per far ingranare i nuovi meccanismi: «Spesso avevamo fatto le scelte sbagliate, perchè i dati sono stati di grande equilibrio, ma il Genoa ha centrato di più la porta. Ma tutto questo dipende da noi e questo possiamo e dobbiamo quindi migliorarlo».

Sul Torino: «Una squadra difficile, che di diritto giocherà per arrivare in Europa. Servirà grande concentrazione per affrontare una squadra con tante individualità importanti. La determinazione non ci manca, faremo un’ottima gara. Le qualità di Iago Falque, di Belotti ecc, sono oggettive, lasciare loro spazio può essere pericoloso. Ma se noi facciamo il Sassuolo, spremo contrastarli».

Contro il Torino vedremo un tridente offensivo fresco di rinnovo contrattuale. Berardi, Politano e Falcinelli hanno prolungato fino al 2022: «Da una parte c’è stata la volontà della società di dare continuità a giocatori e uomini importanti. Dall’altra c’è stata l’avallo tecnico da parte mia perchè ovviamente gradisco molto il lato calcistico ed umano di questi ragazzi. Ed ovviamente c’è stata la voglia dei giocatori di restare. Non è facile resistere a grandi club che offrono obiettivi e stipendi diversi»

Molto più caldo l’argomento cessioni, che vede in partenza giocatori come Matri, Iemmello e Peluso: «Nessuno ha puntato i piedi, non ci sono state polemiche di alcun genere. In alcuni momenti bisogna fare valutazioni in maniera onesta e leale e vedere se gli obiettivi e la voglia di allinearsi siano le stesse da parte di tutte le componenti. Quindi laddove in questo momento non ci sono strade ben allineate, abbiamo creato un momento di pausa per capire l’evoluzione della situazione. Tutto qua»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy