Un Milan più concreto si impone 4-1: prima caduta interna per il Sassuolo

Un Milan più concreto si impone 4-1: prima caduta interna per il Sassuolo

Una sconfitta tanto pensante quanto inaspettata: il Sassuolo trova il primo tonfo interno della stagione contro un Milan decisamente più concreto.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
sassuolo-milan

GOL DIVORATI, KESSIE METTE ORDINE – Due belle occasioni aprono Sassuolo-Milan, una per parte: cominciano i neroverdi con il tiro cross dalla sinistra di Federico Di Francesco che attraversa tutta l’area rossonera. Rispondono gli ospiti al 3° con il tiro di Suso che da posizione defilata sulla destra coglie in pieno l’incrocio dei pali. A seguire, tanti errori goffi da ambo i lati, sia per quanto riguarda la difesa, che per le azioni offensive. Kessie con un pallonetto supera Consigli ma trova Lirola sulla linea della porta, Di Francesco dall’area piccola tira addosso a Donnarumma. Calcio discreto, non buono, ma carente in concretezza. Abate è bravissimo al 33esimo ad anticipare Di Francesco – rischiando sia il rigore, sia l’autorete – mentre Kessie è anche meglio quando al 39° chiude un contropiede 3 vs 2 concludendo in rete da zona centrale. Vantaggio Milan fino all’intervallo, forse non meritato, ma giusta punizione contro l’assenza di concretezza da parte dei padroni di casa.

SONORA SCONFITTA – La prima della stagione tra le mura amiche. Sì perchè il Sassuolo non riesce a trovare la rete del pareggio, buttando il pallone alle spalle di Donnarumma solamente dopo avere subito altri due gol. Non è solo il Milan più concreto e, forse, determinato, sono anche gli errori del Sassuolo a favorire la squadra ospite. Qualche passaggio corto, due rimesse laterali regalate e davanti una difesa troppo chiusa da penetrare. Il raddoppio si Suso arriva al 50esimo ed è una rete sicuramente pregevole. C’è poco da fare per Consigli. Il terzo porta la firma di Castillejo che chiude virtualmente il match 10 minuti dopo. De Zerbi si gioca così le carte Boga e Djuricic, cogliendo in pieno i cambi: il primo fa impazzire gli ospiti sulla corsia destra, il secondo trova il suo primo gol neroverde con una conclusione rasoterra dal limite. Gol che spaventa il Milan, ma non basta a inaugurare la rimonta (sarebbe stata la terza consecutiva al Mapei). Babacar è il terzo cambio del Sassuolo, ma una rovesciata poco cattiva è l’unica azione degna di nota. Nel finale Suso calcia l’ultima punizione del match e sulla respinta della barriera trova il gol finale del 4-1.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy