Troppi errori, Sassuolo ancora immaturo: il Napoli vince 2-0

Troppi errori, Sassuolo ancora immaturo: il Napoli vince 2-0

Un inizio di gara da incubo e troppe difficoltà nel rendersi pericolosi: il Sassuolo stecca al San Paolo e trova la seconda sconfitta consecutiva.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
napoli-sassuolo-ounas-gol-esultanza

PESSIMO INIZIO Il primo tempo di Napoli-Sassuolo inizia come un incubo per i neroverdi, subito colpiti al 3° minuto di gioco: un erroraccio di Locatelli su un retropassaggio si trasforma in un assist per Ounas che prima si libera di un avversario e poi trafigge di potenza Consigli. Un atteggiamento arrendevole caratterizza il primo quarto d’ora del Sassuolo che rischia ancora con Mertens al 13esimo. Un diagonale dall’interno dell’area che manca completamente la porta. I neroverdi rispondono con Boateng prima – un tiro di prima da calcio d’angolo a cui manca la giusta mira – e Djuricic dopo, quando il numero 9 conclude dai 20 metri costringendo Ospina a respingere in angolo. Il primo tempo si chiude dunque sull’1-0, con i neroverdi in crescita nel finale, ma con evidenti errori nella gestione della palla, soprattutto da parte di Marlon e Locatelli.

DENTRO BERARDI E BOURABIA Subito due cambi per De Zerbi: fuori Locatelli e Boga, dentro Bourabia e Berardi. E’ Ounas ad illuminare di nuovo il San paolo, con un destro rasoterra che colpisce l’esterno della rete. Dall’altra parte il mancino di Berardi è bloccato con facilità da Ospina. Tiro troppo centrale. Bello il contropiede del Sassuolo al 63esimo: Berardi da zona centrale smista sulla sinistra dove Djuricic riceve portandosi alla conclusione in area. Bravo Ospina a respingere, così come lo è poco dopo sulla conclusione di Berardi. Molto meglio invece Lorenzo Insigne, ultimo cambio napoletano dopo Allan e Callejon, che al 72esimo fa ciò che gli riesce meglio: con la palla sulla zona di centro-sinistra al limite dell’area lascia partire un destro a giro che supera Consigli e sigla il 2-0. Nel Sassuolo c’è Babacar, subentrato a Boateng, così anche De Zerbi termina i cambi. proprio Babacar si divora la rete della bandiera all’85esimo, sparando sul portiere una palla ricevuto al limite dell’area piccola. Gara forse anche sfortunata per i neroverdi, che chiudono in 10 per l’espulsione diretta di Rogerio e per la prima volta in stagione tornano negli spogliatoi senza avere realizzato neanche una marcatura.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy