Sassuolo spavaldo ma disattento: vantaggio Torino, poi l’1-1 di Brignola

Sassuolo spavaldo ma disattento: vantaggio Torino, poi l’1-1 di Brignola

Sassuolo arrembante, divertente e superiore al Torino, ma con troppa difficoltà a segnare. Belotti rovina il gioco ai neroverdi, Brignola lo aggiusta nel finale.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
sassuolo-torino-bourabia-lirolasassuolo-torino-bourabia-lirola

MATRI TITOLARE, VIVACITÀ NEROVERDE – Comincia molto bene il match del Sassuolo che gioca divertendosi sul manto erboso del Mapei Stadium. Il pressing alto del Torino rischia di essere pericoloso, ma la retroguardia neroverde risolve con disinvoltura i pasticci nella propria trequarti, facendo ripartire in velocità Berardi e Di Francesco sulle corsie. I granata non si fanno vedere con insistenza nell’area neroverde, ma non mancano i pericoli anche per la squadra di De Zerbi: al 25esimo Zaza impegna Consigli in una parata che sa di miracolo, mentre 2 minuti è Di Francesco a sfiorare il vantaggio mancando di poco la porta con un colpo di testa ravvicinato. Bellissimo il cross – di destro – di Domenico Berardi. ”Mimmo” è in forma, lo dimostra anche alla mezzora, quando, cercando il tap in vincente a pochi centimetri dalla porta, costringe Ichazo ad un incredibile salvataggio sulla linea della porta. Meglio il Sassuolo, ma il primo tempo si chiude senza reti.

VAR PROTAGONISTA – Se non concretizzi alla prima opportunità concessa ti puniscono: avviso che puntualmente si è avverato sul campo quando al 54esimo il contropiede granata si chiude con il diagonale vincente di Andrea Belotti. E’ il vantaggio ospite, tanto inatteso quanto immeritato. Comincia così la missione pareggio del Sassuolo che sulla strada trova l’ostacolo Var: la video assistenza conferma la posizione di fuorigioco impedendo così l’assegnazione di un calcio di rigore in favore dei neroverdi. Il fallo c’era, la posizione precedente irregolare pure. De Zerbi sceglie Brignola come primo cambio, togliendo Di Francesco. Babacar per Locatelli la seconda sostituzione. Cambi che non modificano però il risultato in campo con un Torino più spensierato ed un Sassuolo più nervoso. Nervosismo che colpisce anche il tecnico De Zerbi, espulso a 10 minuti dal termine del match. Quando si avvicina il copioso recupero di 6 minuti, Brignola decide di cambiare le carte in tavola con un colpo di testa nell’area piccola. E’ il gol del pareggio che fa esplodere di gioia l’ex Benevento classe 1999. Incredibile quanto accade subito dopo: il Torino non ha difficoltà nel realizzare il gol del 2-1, beffando un Sassuolo ancora con la testa al pareggio. Fortuna vuole che Iago Falque fosse in posizione di fuorigioco come confermato dal Var. Rete annullata e definitivo 1-1.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy