”Sassuolo give me 5!”: manita al Genoa, doppietta per Babacar

”Sassuolo give me 5!”: manita al Genoa, doppietta per Babacar

Gara spettacolare al Mapei Stadium di Reggio Emilia: dopo lo svantaggio il Sassuolo sale in cattedra fino al 5-3 finale. E ora è secondo in classifica.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
sassuolo-berardi-boateng-babacar-esultanza

GENOA IN AVANTI? IL SASSUOLO NE FA QUATTRO – La risposta dei neroverdi allo svantaggio iniziale è di quelle devatanti. Al Mapei Stadium i neroverdi non partono con la grinta vista contro l’Inter, lasciando agli ospiti qualche possibilità di manovra. Il Genoa vuole approfittarne subito e l’errore difensivo del Sassuolo al 27esimo è l’occasione ideale per spezzare l’equilibrio: dopo uno spavento al 10 del primo tempo, 17 minuti dopo il rimpallo in area mette la sfera sui piedi di piatek che a pochi passi da Consigli non ha difficoltà nel batterlo. L’1-0 ospite innervosisce l’undici di De Zerbi e nell’arco di pochi minuti l’arbitro Rocchi estrae per tre volte il cartellino giallo. Il Sassuolo fatica ad impostare e la palla torna spesso tra i piedi di un ottimo Magnani. Serve una scossa e questa arriva al 34° quando l’errore passa questa volta tra le gambe dei grifoni. Un pallone recuperato da Duncan viene smistato da Babacar con il tacco, liberando Boateng verso la porta avversaria. Da solo riesce a freddare Marchetti per l’1-1. Comincia così il dominio neroverde, guidato dalla qualità del numero 27 che riesce a mettere lo zampino in ogni azione offensiva. Lirola si occupa del vantaggio, concludendo in porta dopo una prima respinta di Marchetti. Babacar completa il pacchetto realizzando prima il 3-1 – rovesciata spettacolare di Boateng, tap in vincente dell’ex Fiorentina – e infine il 4-1, con la complicità di Spolli che nel tentativo di spazzare di tacco non riesce ad impedire alla sfera di entrare in porta.

sassuolo-babacar-esultanza

FERRARI FA 5 PANDEV PER L’ONORE – Di minuti ne mancano ancora molti e si sa, da un tempo all’altro il copione di una partita è suscettibile di diversi cambiamenti. Al Mapei Stadium la sensazione è però quella di una storia ormai incanalata verso un solo finale. Al libro si aggiunge infatti anche il capitolo dedicato a Gianmarco Ferrari, che al 60esimo ci mette la tesa per il quinto gol: preciso il tiro a seguito di un calcio d’angolo. Scendono quindi i ritmi del match, i neroverdi non affondano maggiormente il colpo, per buona fortuna del Genoa. I rossoblu non demordono e riescono a rendere meno amaro il distacco grazie alla rete di Pandev al 70°. Si può concedere, avrà pensato De Zerbi. Non è invece ammissibile il terzo gol, questa volta dai piedi di Piatek all’interno dell’area, che all’83esimo punisce il calo di attenzione dei padroni di casa. Pazienza dai.. se diamo un occhio alla posizione di classifica del Sassuolo… qualche errore possiamo anche concederlo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy