Sassuolo, De Zerbi: ”Non accontentiamoci, vogliamo diventare grandi”

Sassuolo, De Zerbi: ”Non accontentiamoci, vogliamo diventare grandi”

Una goleada indimenticabile, ma non mancano gli errori. E Roberto De Zerbi giustamente concede bastone e carota al suo Sassuolo dopo il 5-3 al Genoa.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
roberto-de-zerbi-sassuolo

Una goleada indimenticabile, ma non mancano gli errori. E Roberto De Zerbi giustamente concede bastone e carota al suo Sassuolo dopo il 5-3 al Genoa. Si comincia dal bastone: «Mi aspettavo una partita difficile perchè il Genoa è una squadra forte e sono cose che ripeto dopo la conferenza di ieri. Il 5-1 non era neanche il risultato più giusto e i due gol presi nella ripresa sono arrivati da due disattenzioni nostre».

Ora, la carota: «La squadra che ho è una squadra forte e il merito va anche alla società. E’ anche giovane e un margine di crescita superiore rispetto ad altre. Chiedere di più è difficile ma dobbiamo imporcelo, per diventare grandi il prima possibile. Non accontentiamoci e cerchiamo di migliorare. Oggi abbiamo cambiato diversi titolare e vorrei continuare a ruotare i giocatori per rendere tutti protagonisti. Babacar è stato formidabile, Bourabia è a tutti gli effetti un titolare. Sono contento anche di questo»;

Boateng, in una parola: «Io i giocatori li vedo come i miei figli. E quindi sono i migliori e i più belli. Noi abbiamo inseguito Boateng e ci riteniamo fortunati di averlo. Così come per Berardi, Duncan e altri giocatori ancora inesplosi come Djuricic, Boga, un talento purissimo, Brignola. La squadra è forte, ma bisogna maturare più velocemente».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy