Sassuolo, Bucchi: ”Troppe distrazioni da mercato. Atalanta? Merita l’Europa”

Sassuolo, Bucchi: ”Troppe distrazioni da mercato. Atalanta? Merita l’Europa”

Vigilia di campionato per il Sassuolo, che vuole riscattare la brutta sconfitta di Torino: Bucchi non avrà però un avversario semplice, ad attenderlo ci sarà l’Atalanta

Vigilia di campionato per il Sassuolo, che vuole riscattare il brutto tonfo di Torino: Cristian Bucchi non avrà però un avversario semplice, ad attenderlo ci sarà l’Atalanta di Giampiero Gasperini, reduce tuttavia da due sconfitte consecutive: «Merita molto di più di quanto ha raccolto – ha dichiarato il tecnico neroverde – perchè l’Atalanta è una squadra forte che con merito si è guadagnata l’Europa League l’anno scorso. Sarà una gara aggressiva in cui gli avversari cercheranno di fare valere il loro collettivo e le individualità, come Gomez, la prestanza fisica di Petagna e l’imprevedibilità di Ilicic. Sono la squadra che nella scorsa stagione ha segnato più gol su calcio piazzato. Tutte caratteristiche che ci devono far mantenere alta la concentrazione»

Un cambio di modulo è possibile?: «I numeri mi interessano meno, preferisco che siano chiare idee e concetti, insieme alla lettura delle situazioni in campo – ha proseguito Bucchi – che sia a partita in corso o dall’inizio. Il vestito non può essere sempre lo stesso, ma è importante sapere cambiare anche durante la partita, perchè ad esempio a Torino ci sono state tante partite nella partita».

I primi risultati sono stati frutto di una preparazione fisica e tattica sconvolta dal mercato. Giocatori che sembravano in partenza ed altri che potevano arrivare a Sassuolo. E invece.. «Io sono uno di quelli che spera in un cambiamento del mercato – ha concluso il mister – perchè non è possibile formare degli automatismi quando dopo due giornate di campionato la sessione resta ancora aperta. Il rischio è quello di perdere giocatori e dover ricominciare tutto da capo. Le distrazioni ci sono state, è ovvio, visto le molte situazioni in bilico. Ora la nostra rosa è definita e dobbiamo pensare solo a lavorar

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy