Sassuolo, Bucchi: ”Più che comprare dobbiamo trattenere”

Sassuolo, Bucchi: ”Più che comprare dobbiamo trattenere”

Non c’è nulla da costruire: il nuovo ciclo del Sassuolo di Cristian Bucchi può e deve partire da solide basi, quelle create da pilastri come Magnanelli e Acerbi

Non c’è nulla da costruire: il nuovo ciclo del Sassuolo di Cristian Bucchi può e deve partire da solide basi, quelle create da pilastri come Magnanelli e Acerbi. Proprio sul difensore ieri ci è giunta la notizia del rinnovo contrattuale – insieme a quello di Claud Adjapong – sorpresa che ha sicuramente fatto piacere al neo tecnico neroverde: «Su Claud non avevamo dubbi, la piacevole novità è il rinnovo di Francesco, che credo sia all’insegna della continuità: grande gesto di volontà da parte della società e grandissimo gesto del calciatore, che ha scelto di voler continuare a lottare e crescere con questa maglia».

Ma la rosa del Sassuolo comprende tanti altri validi giocatori, per cui la missione deve essere una sola. Quella di trattenerli in emilia: «Abbiamo tanti giocatori validi e, inoltre, sono rientrati dai prestiti giocatori importanti come Falcinelli e Ferrari, che si vanno ad aggiungere ad un organico già di qualità alta. Penso che, più che comprare, in questa sessione di mercato la cosa fondamentale sia mantenere: se dovessero restare i nostri talenti, oltre al fatto del consolidamento dello spirito del vecchio Sassuolo attraverso i rinnovi di giocatori importanti, credo che ci siano tutte le caratteristiche per rendere questa stagione interessante e positiva»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy