Milan-Sassuolo, De Zerbi: “Il nostro è un campionato importante. Piatek? Tra i primi 5 al mondo”

Milan-Sassuolo, De Zerbi: “Il nostro è un campionato importante. Piatek? Tra i primi 5 al mondo”

Le parole del tecnico neroverde Roberto De Zerbi alla vigilia del delicatissimo incontro di sabato sera a San Siro contro il Milan.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
roberto-de-zerbi

Le parole del tecnico neroverde Roberto De Zerbi alla vigilia del delicatissimo incontro di sabato sera a San Siro contro il Milan. «Giocare davanti a 60 mila sarà un privilegio per tutti, credo sarà uno stimolo per giocare ancora di più e per farlo per un grande risultato. È vero che noi ora non stiamo vincendo tanto, ma il campionato è molto equilibrato. La Sampdoria ha perso 3 partite di fila, cosa che ha noi non è mai capitata. Possiamo fare di più, ma diamo il giusto valore anche a quanto fatto finora. Non si può imputare qualcosa ai miei giocatori per il campionato fatto fino ad oggi. Avevamo fatto gli occhi per qualcosa di più? Si, ma detto ciò abbiamo fatto cose importanti, conquistando 31 punti»;

Difficoltà nel reparto offensivo: «La fase realizzativa dipende dalla fase di costruzione. Non dipende solo dal numero 9, quindi, ma anche dal numero 8, dal numero 7. Pecchiamo sicuramente di lucidità. Il miglioramento non passa solo attraverso la cattiveria, ma anche dalla convinzione, dall’autostima»;

Sul Milan: «Il Milan ha Piatek che diventerà uno dei primi 5 attaccanti centrali del mondo. Se devo però estrarre una qualità del Milan è quella di avere un’anima. Dobbiamo tirarla fuori anche noi, perché è ciò che rompe gli equilibri»;

Situazione indisponibili: «Di Francesco convive sempre con una forma di pubalgia, lo tengo in considerazione, ma non al 100%. C’è qualche giocatore un po’ affaticato, come Lirola, ma anche Rogerio. Domani gioca Magnanelli».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy